ottobre 2017

Europa Italia Veneto

Verona mordi e fuggi – mezza giornata nella città dell’amore

By
on
27/10/2017
Verona

Verona, inevitabilmente pensi a Romeo e Giulietta, gli innamorati più sfortunati della storia.

Approfittando di una calda giornata di metà ottobre e di un impegno lavorativo nella città del pandoro, Pierluigi ed io abbiamo organizzato una visita “mordi e fuggi“ della città.

Lasciato Jacopo al nido, siamo arrivati a Verona in poco più di un’ora di autostrada.

Per risparmiare minuti preziosi abbiamo lasciato l’auto al centralissimo parcheggio multipiano “Cittadella” situato a circa 500 metri da Piazza Bra.

Ad ogni modo, la città offre numerosi parcheggi a prezzi contenuti o gratuiti come ad esempio il parcheggio dello stadio “Bentegodi” in piazzale Olimpia;

Via Roma - Verona
Piazza Bra e l'Arena

Il nostro giro inizia con piazza Bra, la piazza più grande di Verona.

Per raggiungerla passiamo per i portoni della Bra, una porta costruita lungo le mura medievali, un tempo collegamento tra piazza Bra e la campagna sub urbana.

A destra della porta è presente la torre Pentagona, una torre difensiva, di epoca comunale.


Piazza Bra è il foyer dell’arena,  un luogo di incontri ideale per una chiacchierata tra amici sorseggiando un caffè o gustando un aperitivo in uno dei numerosi bar o ristoranti aperti anche d’inverno.

I portoni della Bra

Attraversando la piazza si raggiunge la bellissima e famosissima arena, anfiteatro romano realizzato tra il 10 e il 20 d.C. al cui interno tutt’oggi si svolgono spettacoli e concerti in un’atmosfera unica e suggestiva.

Piazza Bra - Verona
La casa di Giulietta

Dall’arena di Verona, percorrendo via Mazzini, o meglio la via dello shopping si raggiunge via Cappello.

Dopo qualche metro, sulla destra, si trova la casa di Giulietta, ormai luogo simbolo per tutti gli innamorati, come del resto, il famoso balcone e la statua di Giulietta in bronzo.

Via Mazzini - Verona
Statua di Giulietta
Piazza delle Erbe

Poco distante dalla casa di Giulietta, si trova Piazza delle erbe, il vecchio centro della città.

Al centro della piazza c’è un piccolo mercatino che offre rinfrescanti macedonia e prodotti di artigianato.

 

Piazza delle Erbe
Il mio acquisto
Torre dei Lamberti

Da Piazza delle Erbe svetta la Torre dei Lamberti, una torre medievale di circa 84 m.

La torre è visitabile e regala un’imperdibile vista su Verona.

Nel costo del biglietto per la torre (euro otto) è compresa la visita all’adiacente galleria di arte moderna.

Torre dei Lamberti
Vista di Verona dalla Torre dei Lamberti
Scalinata - Torre dei Lamberti
Ponte di Castelvecchio

La tappa successiva della nostra visita a Verona è stata il ponte di Castelvecchio, in pietra e cotto,  meglio conosciuto come Ponte scaligero.

Il ponte, parte della fortezza di Castelvecchio  e contraddistinto da tre arcate slanciate, si adagia sulle sponde del fiume Adige.

Il ponte è sempre accessibile gratuitamente.

Ponte di Castelvecchio
Giardino Giusti

Ultima fermata del nostro tour  mordi e fuggi di Verona è stata la visita al Giardino Giusti.

Leggermente spostato rispetto al baricentro della città è, a mio avviso, un must see.

Giardino Giusti - Viale dei Cipressi

Il giardino è situato sul retro dell’omonimo palazzo, costruito con l’impianto a U risalente al 500.

La sensazione che si ha, superato il cancello d’ingresso al giardino, è quella di ritrovarsi in un vero e proprio labirinto verde; aiuole, statue, scalinate e grotte artificiali sono disposte lungo il viale dei cipressi che porta ai progressivi terrazzamenti.

Giardino Giusti - Labirinto
Giardino Giusti - terrazzamenti

Da non perdere la salita al belvedere, da cui si gode uno dei più bei panorami su Verona, oltre ad un impagabile colpo d’occhio sul giardino nel suo complesso.

Il giardino è aperto tutto l’anno ed il costo del biglietto (giardino e Palazzo Giusti) è di 8 euro.

Giardino Giusti - Belvedere
Suggerimenti

Per ottimizzare la visita della città di Verona vi segnaliamo la possibilità di acquistare la Verona Card, biglietto cumulativo con il quale accedere gratuitamente (o a prezzo ridotto) ai principali musei, monumenti e chiese della città, nonchè viaggiare sulle linee urbane dei mezzi pubblici ed uno sconto del 10% nei ristoranti della città che hanno aderito all’iniziativa.

I portici di Via Roma - Verona
Kids Tips&Tricks

In viaggio con i bimbi – Una breve guida per sopravvivere ad un viaggio in famiglia

By
on
16/10/2017

Il viaggio, per me, ha sempre rappresentato la possibilità di fare esperienze meravigliose che in un modo o nell’ altro ti arricchiscono e contribuiscono a fare di te la persona che vuoi diventare.

Tutti i viaggi che ho fatto mi hanno dato, in termini di insegnamento e di crescita molto più di quanto appreso sui banchi di scuola o all’università.

Credo, quindi, che sia fondamentale trasmettere a mio figlio la fame di conoscenza del mondo, e quindi, la passione per il viaggio.

Esplorare il mondo con i bambini non deve essere visto come un limite, ma come un punto di forza; senza contare quanto sia divertente e prezioso trascorrere il tempo in famiglia.

Jacopo e la spiaggia di ciottoli a Santorini
Viaggio in treno

Devo, però, ammettere che viaggiare con un bambino può presentare il suo bagaglio di difficoltà, soprattutto la prima volta.

Scopo di questo post è  incoraggiarvi a viaggiare di più  con i vostri figli e trovare il giusto sistema organizzativo.

Altro aspetto da non sottovalutare è imparare a ignorare tutte le persone che avranno qualcosa da obiettare o criticare.

“E’ rischioso”; “E’ da irresponsabili”; “I bambini hanno bisogno della loro routine e non di essere sballottati in giro per il mondo”…queste sono solo alcune delle frasi che potreste sentire quando annuncerete di voler fare un viaggio con il vostro bimbo/bimba.

Senza dubbio i bambini necessitano della loro routine, ma questo non significa farli vivere sotto una campana di vetro. I bimbi sono molto più forti di quello che si crede, e interrompere la routine, con gite occasionali, li rende molto più “adattabili”.

Fare dei viaggi con i propri figli, ed in generale in famiglia, consente non solo di rinsaldare il legame con i nostri cari, ma ci arricchisce di esperienze straordinarie al di là del caos della vita di tutti i giorni.

Quanto ai viaggi in aereo con i bambini, vi suggerisco di leggere i miei consigli sul post “In volo con i bimbi“, cui vi rimando.

lago di garda
Jacopo ed io sul Lago di Garda
Jacopo e i trulli
Jacopo e i Trulli

Eccovi, quindi, alcuni consigli utili  per sopravvivere alla vostra prima avventura familiare:

– SCEGLI L’ABBIGLIAMENTO ADATTO
Sembrerebbe una cosa scontata, ma non lo è, soprattutto se passi da un clima mite ad una destinazione con un clima espremamente rigido o estremamente caldo.
 
– PORTA CON TE CIBO/LATTE IN POLVERE A SUFFICIENZA
Io ho avuto la fortuna di allattare al seno Jacopo e, quindi, non mi sono preoccupata più di tanto di questo aspetto.
Ad ogni modo, so che trovare il latte artificiale giusto e tollerato dal bimbo non è un’impresa semplicissima, e quindi squadra che vince non si cambia!!
 
NON DIMENTICARE IL PASSEGGINO
Quando viaggi il passeggino non è mai solo un mero passeggino, è un letto, una postazione pappa/gioco, e soprattutto un ottimo deposito per giacche, borse e cianfrusaglie!
 
– SALVIETTINE COME SE PIOVESSE
Portate con voi tante, tante salviettine imbevute. Le salviettine imbevute sono l’equivalente dei diamanti…i migliori amici delle mamme in viaggio!!
Assolvono alla pulizia del sederino, del viso, delle manine, e di gran parte delle superfici che voi e il vostro bimbo sarete costrette a toccare.
 
– PORTA SEMPRE UN CAMBIO EXTRA
Non importa quanto andiate lontani, mai sottovalutare la capacità dei bambini di sporcarsi !
 
– LA TECNOLOGIA E’ VOSTRA AMICA
Non dimenticate il vostro tablet o il vostro smartphone corredato di musichette, giochi, cartoni animati e extrapower portatili.
 
– RILASSATEVI!
Non cercate di mantenere gli stessi ritmi che avevate prima dell’arrivo della cicogna.
Le cose sono inevitabilmente diverse, quindi non cercate di concentrare miliardi di attività/tappe in un unica giornata, ma godetevi il vostro viaggio all’insegna dei tempi dettati dal vostro pargolo…
 
Ora che siete pronti, non resta che…partire!
Jacopo ai Laghi di Fusine
Telecabina
Jacopo nella telecabina Monte Lussari
Jacopo al lago tovel
Jacopo al Lago Tovel