Browsing Category

Tips&Tricks

Preparare-valigia-ematripsnpics


VIEW POST

View more
Tips&Tricks

9 ed 1 oggetti da portare con sè quando si viaggia

By
on
18/06/2018

Gli oggetti indispensabili della valigia di un viaggiatore
Ci sono degli oggetti che non devono mancare nella valigia di un viaggiatore.

Devo confessare che se c’è una cosa che non sopporto del viaggio è fare la valigia.

Prima della nascita di Jacopo ero la peggiore preparatrice di valige al mondo!

Ad ogni…

pianificare-viaggio


VIEW POST

View more
Tips&Tricks

I 15 più comuni errori da non commettere in viaggio

By
on
18/06/2018

GLI ERRORI  DA NON COMMETTERE QUANDO SI VIAGGIA
 

Oggi voglio parlarvi di un argomento molto interessante e spesso sottovalutato, ovvero gli errori più comuni che un viaggiatore può commettere.

Questi errori, a volte, possono  compromettere la riuscita del vostro viaggio.

Con questo post provo a riassumere i principali errori di cui possono…


VIEW POST

View more
Europa Tips&Tricks Ungheria

Budapest sul grande schermo!

By
on
15/01/2018

Budapest è una città magica e sensazionale, ed offre dei panorami unici nel loro genere.

Il segreto del suo fascino sta nella diversità; in essa, infatti, convivono ben tre città diverse.

Per maggiori informazioni e consigli  sulla capitale dell’Ungheria vi rimando allo specifico post “Budapest: cosa vedere in 2 giorni“.

Non deve, dunque, sorprendere che Budapest appaia spesso in film e serie televisive, passando da produzioni storiche o in costume, a contemporanei film di spionaggio.

Ogni anno in Ungheria  vengono girati oltre 250 film stranieri, un numero altissimo per l’Europa centrale.

Durante l’era comunista, il blocco orientale forniva ai registi occidentali luoghi esotici e condizioni di lavoro economiche, mentre l’afflusso di valuta occidentale rendeva l’accordo economico appetibile per la dittatura.

È per questo motivo che Barbablù  (1972) con Richard Burton è stato girato a Budapest. Nel 1974, Woody Allen ha usato l’Opera House e le strade del Castello di Buda per il suo film Amore e Guerra

Altri film degni di nota sono entrambe le versioni del Fantasma dell’Opera, prodotte e girate a Budapest.

Nel 1996, Il Teatro dell’Opera e le stradini nelle vicinanze sono state trasformate in Buenos Aires per girare il film/musical “Evita” con Madonna ed Antonio Banderas.

In Spy game (2001), Robert Redford ha insegnato a Brad Pitt le tattiche della Guerra Fredda a un tavolo che si affaccia sul Hotel Astoria, mentre in Munich di Steven Spielberg (2005) le strade di Budapest sono state trasformate in Londra, Parigi, Roma  per inseguire i terroristi durante le Olimpiadi di Monaco del 1972.

La modifica della legge sui film nel 2004 ha dato un’ulteriore spinta all’industria cinematografica locale con uno sconto del 20% sulle imposte.

La crescente competizione per le produzioni cinematografiche in Europa centrale dagli anni ’90 ha visto Praga come il principale concorrente, ma Bucarest, Belgrado e Sofia hanno anche aderito alla competizione negli ultimi dieci anni, il che ha portato ad un ulteriore sconto (25%) nel 2014.

Diversi nuovi studi cinematografici sono stati costruiti nella regione di Budapest, oltre a Mafilm di proprietà statale. 

Budapest è tornata sul grande schermo nel 2016 con Tom Hanks, Felicity Jones e Omar Sy nell’adattamento cinematografico del romanzo di Dan Brown, Inferno.

La fama di Budapest quale location perfetta, non si limita ai soli film.

Nel 1985, per uno dei videoclip musicali più famosi del decennio, Money for Nothing, i Dire straits hanno girato alcune scene con Elso Emelet durante un tour a Budapest.

Nel 2010 Katy Perry accese fuochi d’artificio all’Astoria e al Palazzo Reale per la sua canzone Fireworks.

Per concludere, una piccola curiosità, lo sapevate che la casetta del mulino bianco utilizzata negli spot pubblicitari con Antonio Banderas si trova proprio alla periferia di Budapest?


VIEW POST

View more
Danimarca Europa Food Tips&Tricks

Cosa mangiare in Danimarca: i piatti della tradizione!

By
on
21/12/2017

Il rapporto con il cibo dei danesi è molto diverso da quello della maggior parte degli italiani: i pasti sono frugali ma pur sempre soddisfacenti.

La cucina danese è ricca di carboidrati, pesce e carne. Questo è dovuto al clima rigido che impone una cucina ricca da un punto di…

In volo con i bambini


VIEW POST

View more
Kids Tips&Tricks

In volo con i bimbi: i nostri consigli per affrontare un viaggio in aereo

By
on
02/12/2017

L’aereo croce e delizia di ogni genitore !

Viaggiare con un bambino è un impresa non indifferente, ma la si può superare senza intoppi, il segreto è : essere preparati!

(sul punto vi suggerisco di dare un occhiata al mio post in viaggio con i bimbini per una guida completa sul tema)

bambini in aeroporto

Partire preparati e ben equipaggiati è la garanzia di successo per un viaggio sereno e piacevole in compagnia del vostro bambino.

bimbi in volo

Vi suggerisco (se potete), di attendere il compimento dei 6 mesi del vostro cucciolo prima di sperimentare un viaggio in aereo di lunga durata.

Infatti, a partire dai 6 mesi il ciclo del sonno dei bambini inizia a regolarizzarsi e non danno di matto qualora perdano un riposino.

Di contro, un bambino appena nato, riesce ad affrontare un viaggio in aereo senza grosse difficoltà, considerato che in quella fase dormono per la maggior parte del tempo.

 

Partiamo dal presupposto fondamentale ed ineludibile che gli aerei sono posti molto stimolanti e al tempo stesso per nulla confortevoli; cercate dunque di affrontare il viaggio con calma e serenità, senza lasciarvi prendere dallo sconforto.

bimbi in volo

Di seguito i miei consigli per sopravvivere ad un volo in compagnia dei bambini:

 

  •  Prenotate per tempo il vostro posto;
  • Valutate con attenzione le politiche delle singole compagnie aeree inerenti i bambini (fasce di età, seggiolino, check in passeggino);
  • Rifornitevi di snacks e bevande (queste ultime vanno acquistate dopo il security check);
  • Portate cambi extra e una piccola scorta di pannolini; (tutti gli aerei sono dotati di postazioni per il cambio dei bimbi, di solito, all’interno della toilette);
  • Durante le fasi di decollo e di atterraggio, onde evitare fastidiosi problemi alle orecchie, causati dalla pressione,  vi suggeriamo di dare ai bambini il ciuccio, se lo usano, oppure qualcosa da bere, con biberon o cannuccia; vi consigliamo di dargli un decongestionante solo nel caso in cui il vostro bambino sia raffreddato;
  • Portate con voi il giocattolo preferito del vostro bambino;
  • Portate eventuali oggetti che il vostro bambino associa alla nanna;
  • Cercate di programmare, se possibile, i vostri voli durante le ore di nanna del cucciolo;
  • Prenotate un posto accanto al finestrino, beneficerete del doppio vantaggio di avere un pò di privacy e di distrarre il vostro bambino guardando fuori;
  • Non pretendete troppo da voi stessi o dai vostri bambini, nonostante i vostri sforzi, a volte, i bambini hanno solo bisogno di piangere.                              

Ricordo come se fosse ieri le occhiatacce ricevute dagli altri passeggeri durante una crisi di pianto di Jacopo, in quel caso, non preoccupatevi, fate un bel respiro, un sorriso, e ricordatevi che state per andare in vacanza !!

bimbi in volo