Browsing Tag

Bambini

Danimarca Europa Kids

I Giardini Tivoli e la magia del Natale

By
on
29/12/2017
I Giardini Tivoli : il parco divertimenti più famoso della Danimarca.

Se avete in programma una visita a Copenhagen durante il periodo natalizio,  che siate adulti o bambini, dedicate una giornata alla visita di questo meraviglioso parco, e non ve ne pentirete.

Copenhagen Tivoli Gardens

Siamo arrivati a Copenhagen alle 08.30 del mattino e dopo il check in albergo abbiamo raggiunto immediatamente il parco che si trova a pochi metri dalla stazione centrale di Copenhagen.

Per tutte le informazioni e i nostri consigli sulla città danese, leggete il nostro post ad essa interamente dedicato.

 

              Giardini Tivoli durante il periodo natalizio

Il parco è aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 24:00 e nel mese di dicembre si arrichisce di un’entusiasmante veste Natalizia che ammalia tutti, anche il più incallito dei grinch!!

Che dirvi, da amante sfegatata del Natale, sono impazzita, forse tra me e Jacopo ero io quella più felice, sembravo una trottola, inebriata dai colori e dagli odori tipicamente natalizi.

In aggiunta alle classiche decorazioni e attrazioni Natalizie, potrete trovare numerose giostre, trenini, ovviamente suddivise in base alle varie fasce d’età, per alcune delle quali è indispensabile la presenza di un genitore che accompagni i bambin

                           La casa di Babbo Natale

Degni di nota, a mio avviso sono: La foresta di bamboo, giardino di ispirazione cinese, e la casa di Babbo Natale!

Ebbene si, all’interno del parco, durante il periodo natalizio, viene ricostruita la casa di Babbo Natale, con la possibilità di fare quattro chiacchiere ed una fotografia con il “nonnino” più famoso al mondo!

Non vi dico la gioia di Jacopo nel trovarsi faccia a faccia con il vero Babbo Natale e potergli elencare tutti i giochi che avrebbe voluto ritrovare sotto l’albero.

Se durante il giorno il parco Tivoli è un posto incredibile, con il tramonto rivela un’essenza romantica e sensazionale.

Uno sfavillio di luci e lanterne illuminano il parco, le giostre e i numerosi caffè e ristoranti sparsi per Tivoli, il tutto reso ancor più emozionante dalle musiche e canti natalizi che accompagnano i visitatori.

E se la visita del parco vi fa venire un certo languore, vi consiglio di visitare la recente Food Hall, adicente il parco, all’interno della quale potrete trovare cibi per ogni gusto e tendenza, dai piatti tipici danesi, (vi consiglio di provare gli Smørrebrød, tipici panini di segale aperti)  al sushi, passando per la pizza e gli hamburgers.

Kids Tips&Tricks

In volo con i bimbi: i nostri consigli per affrontare un viaggio in aereo

By
on
02/12/2017

L’aereo croce e delizia di ogni genitore !

Viaggiare con un bambino è un impresa non indifferente, ma la si può superare senza intoppi, il segreto è : essere preparati!

(sul punto vi suggerisco di dare un occhiata al mio post in viaggio con i bimbini per una guida completa sul tema)

Partire preparati e ben equipaggiati è la garanzia di successo per un viaggio sereno e piacevole in compagnia del vostro bambino.

Vi suggerisco (se potete), di attendere il compimento dei 6 mesi del vostro cucciolo prima di sperimentare un viaggio in aereo di lunga durata.

Infatti, a partire dai 6 mesi il ciclo del sonno dei bambini inizia a regolarizzarsi e non danno di matto qualora perdano un riposino.

Di contro, un bambino appena nato, riesce ad affrontare un viaggio in aereo senza grosse difficoltà, considerato che in quella fase dormono per la maggior parte del tempo.

Partiamo dal presupposto fondamentale ed ineludibile che gli aerei sono posti molto stimolanti e al tempo stesso per nulla confortevoli; cercate dunque di affrontare il viaggio con calma e serenità, senza lasciarvi prendere dallo sconforto.

Di seguito i miei consigli per sopravvivere ad un volo in compagnia dei bambini:

  •  Prenotate per tempo il vostro posto;
  • Valutate con attenzione le politiche delle singole compagnie aeree inerenti i bambini (fasce di età, seggiolino, check in passeggino);
  • Rifornitevi di snacks e bevande (queste ultime vanno acquistate dopo il security check);
  • Portate cambi extra e una piccola scorta di pannolini; (tutti gli aerei sono dotati di postazioni per il cambio dei bimbi, di solito, all’interno della toilette);
  • Durante le fasi di decollo e di atterraggio, onde evitare fastidiosi problemi alle orecchie, causati dalla pressione,  vi suggeriamo di dare ai bambini il ciuccio, se lo usano, oppure qualcosa da bere, con biberon o cannuccia; vi consigliamo di dargli un decongestionante solo nel caso in cui il vostro bambino sia raffreddato;
  • Portate con voi il giocattolo preferito del vostro bambino;
  • Portate eventuali oggetti che il vostro bambino associa alla nanna;
  • Cercate di programmare, se possibile, i vostri voli durante le ore di nanna del cucciolo;
  • Prenotate un posto accanto al finestrino, beneficerete del doppio vantaggio di avere un pò di privacy e di distrarre il vostro bambino guardando fuori;
  • Non pretendete troppo da voi stessi o dai vostri bambini, nonostante i vostri sforzi, a volte, i bambini hanno solo bisogno di piangere.                              

Ricordo come se fosse ieri le occhiatacce ricevute dagli altri passeggeri durante una crisi di pianto di Jacopo, in quel caso, non preoccupatevi, fate un bel respiro, un sorriso, e ricordatevi che state per andare in vacanza !!

Europa Italia Kids Lombardia

Leolandia: il parco divertimenti per bambini che diverte anche gli adulti!!

By
on
07/11/2017

Alla centesima richiesta di Jacopo di andare a Leolandia, e non potendo giocare la carta “ma è molto distante” abbiamo organizzato una giornata al parco divertimenti lombardo, in occasione della festa di Halloween, ribattezzata (per ovvie ragioni) HalLEOween!!

Il 30 ottobre, quindi, armati di cappelli da strega, sacchetti a forma di zucca e cerchietto per capelli con i fantasmini (ovviamente per me) siamo partiti alla volta di Bergamo per raggiungere Leolandia, che proprio in concomitanza con la “notte delle streghe” è stato allestito in pieno mood Halloween con tanto di zucche, fantasmi, stregoni e pentoloni fumanti.

DOVE - COME - QUANDO

Il parco divertimenti Leolandia si trova a Capriate San Gervasio, a 17 km da Bergamo e poco più di 15km dall’aeroporto di Orio al Serio

Il parco è dotato di un parcheggio (auto e caravan) il cui costo è di € 5,00 (per le auto).

In alternativa, si può lasciare l’auto al parcheggio gratuito del centro commerciale o al parcheggio della fermata dell’autobus autostradale (N.B. il parcheggio del Mc Donald’s ha dei limiti di 1/1,5 ore di sosta incompatibile con la permanenza nel parco)

Per quel che concerne il biglietto d’ingresso va evidenziato che il prezzo varia in ragione del giorno in cui decidete di visitare il parco e, per i bambini, in base all’altezza (fino ai 90 cm di altezza il biglietto è gratis)

Ci sono, tuttavia, piccoli accorgiment per spendere meno, come, ad esempio, acquistare il biglietto a data fissa (on line direttamente dal sito), possibilmente con un certo anticipo.

Per coloro che fanno tanti km per accontentare i loro bambini, sono acquistabili (sempre dal sito del parco) dei pacchetti che includono anche il soggiorno in hotel.

Su questi pacchetti e sugli alberghi non possiamo dir nulla, poichè considerata la vicinanza al parco, siamo rientrati in giornata nella nostra casetta (p.s.  Jacopo ha dormito 12 ore filate, circostanza talmente straordinaria che la sottoscritta si è alzata 4/5 volte per controllare che stesse bene)

Degna di nota è l’iniziativa “E se piove?” ovvero la possibilità, per chi avesse acquistato il biglietto e visitato il parco in un giorno di pioggia, di tornare gratis per dare la possibilità alle famiglie di trascorrere una giornata straordinaria.

ORARI DI APERTURA - PAUSA PRANZO

L’orario di apertura del parco divertimenti Leolandia è dalle 10:00 alle 18:00 (lun-sab-dom), salvo aperture straordinarie in occasione di eventi particolari o festività.

Ad ogni modo, sul sito è possibile verificare gli orari e i singoli eventi del giorno.

Per quel che concerne la pausa pranzo, il parco è dotato di numerosi punti ristoro (prima o poi anche i bimbi più irriducibili si fermano, sviluppando istantaneamente un appetito da lupi!).

Vi sono numerosi bar e ristoranti con una selezione di piatti che seguono la stagionalità e  menù gluten free per esigenze particolari.

Inoltre, per gli estimatori del pranzo al sacco, ci sono due aree picnic, nelle quali consumare il proprio pasto, nonchè,  disclocati in più punti del parco, scalda biberon e forni micronde per le pappe dei più piccini.

Le neo mamme, inoltre, possono beneficiare di n.7 nurseries per allattare, cambiare pannolini, o semplicemente riposare!

STRUTTURA DEL PARCO

Il Mondo di Peppa Pig

Il parco divertimenti Leolandia è sostanzialmente suddiviso in due  grandi aree, la prima a destra dell’ingresso principale, dedicata ai più piccini.

In questa area troviamo, infatti, il mondo di Peppa Pig, zona interamente dedicata alla maialina tanto amata dai bambini, quanto odiata dai genitori.

Qui troviamo la perfetta ricostruzione della casa della famiglia Pig, del cantiere del signor Toro,  della mitica automobile rossa di papà Pig e delle famosissime pozzanghere di fango (finte nei mesi invernali).

Inutile dire che il divertimento è assicurato; Jacopo sembrava una pallina impazzita, saltava a destra e a sinistra.

Alla fine del tour (sia della casa sia del cantiere) è possibile fare una foto con Peppa e con il fratellino George.

Masha e Orso

Superata l’area dedicata a Peppa Pig, si raggiunge la sezione dedicata a Masha e Orso.

Qui troviamo l’ambulanza e i sempre affamati lupi.

Nel Teatro Fattoria si può assistere allo spettacolo “Canta e balla con Masha e Orso” (in diverse fasce orarie), durante il quale grandi e bambini si lasciano trasportare dal ritmo delle più belle canzoni del cartone animato.

Anche in questo caso al termine dello spettacolo, chi vuole, può fare una foto con i simpatici personaggi  del cartone sovietico.

In prossimità dell’area dedicata a Masha e Orso si trova una vera e propria fattoria, con caprette, mucche, galline.

PJ Masks

Che dire…chiunque abbia a che fare con un bimbo dell’età compresa tra i 2-6 anni sa benissimo che i bambini in pigiama stanno spopolando ovunque, diventando il loro cartone animato preferito (pare, infatti, che il buon vecchio Topolino sia incaxxato come un’ape).

Sul palco Italia il più famoso terzetto di eroi fa il suo ingresso mandando in visibilio i bambini (si racconta di lanci di ciucci e peluches  sul palco.. roba da far invidia alle groupies presenti a Woodstock).

Al termine dello spettacolo, durante il quale i super pigiamini fanno sfoggio dei loro super poteri, inizia la fila per far la foto!

Fila che noi, abbiamo fatto ben due volte, poichè alla prima tornata, Jacopo non è riuscito a fare la foto con il suo pigiamino preferito, Gekko, e quindi, abbiamo atteso lo spettacolo successivo, e connessa fila, per fare  la foto con il pigiamino verde…e devo dire che ne è valsa la pena !!

Le giostre

La seconda grande area di Leolandia è dedicata alle giostre, in tutto 40 tra giostre ed attrazioni.

L’accesso è regolato in base all’altezza del bambino, ma qualora voleste accompagnare i i vostri cuccioli non ci sono restrizioni (eccetto per quelle più spericolate).

Jacopo le ha provate tutte accompagnato da me o da Pierluigi.

Esperienza piacevole è il giro sul trenino Thomas, la simpatica locomotiva blu ti accompagna in un giocoso tour del parco.

Spettacoli

Leolandia è sinonimo anche di spettacoli ed animazioni per tutta la famiglia.

Consiglio vivamente di assistere ad uno degli spettacoli che si svolgono nella Leo Arena.

Noi abbiamo assistito allo spettacolo “il Castello dei segreti” a tema (ovviamente) Halloween.

Un turbine di emozioni, luci e costumi che ci ha incantati per tutta la sua durata.

Degni di nota sono anche i diversi spettacoli che si svolgono nelle varie zone del parche in diversi orari della giornata.

Indubbiamente Leolandia è un parco pensato e costruito per il divertimento dei bambini, sono loro il target del parco, (ed è giusto che sia così) ma con l’occhio volto anche alle esigenze dei genitori che per qualche ora possono mettere da parte pensieri e responsabilità, per ritornare ad essere bambini e divertirsi al pari ed insieme ai propri figli.